I muretti a secco candidati a patrimonio dell’UNESCO

La notizia: L’Italia ha aderito alla cordata di Paesi europei, capitanati da Cipro e comprendenti Grecia, Francia, Svizzera e Spagna, che ha candidato la “Tecnica dei muretti a secco” come patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. Sul territorio italiano sono diverse le comunità emblematiche, anche se non esclusive, legate alla tecnica dei muretti a secco. Tra queste, le colture agricole nelle Cinque Terre, quelle in Costiera Amalfitana, Pantelleria, ed in Puglia il Salento e la Valle d’Itria.

Dove: Cipro, Grecia, Italia, Francia, Svizzera, Spagna

Notizia del : Aprile 2017  muretti1

Segnalata da: Alberto

Fonte: Ansa, la Repubblica

Commento: :da “la Repubblica”: “Il sì italiano alla candidatura è teso a salvare i terrazzamenti e le millenarie barriere di divisione che segnano il profilo naturale del Paese: in Liguria e nel Salento, lungo la costiera di Amalfi e sull’Etna, a Pantelleria e in Toscana, su tutto l’arco alpino e nel cuore dell’Appennino. Questo tesoro sembrava consegnato alla rovina e alla nostalgia. Contadini, architetti, imprenditori, scienziati e promotori del turismo, lo rilanciano in tutto il mondo quale modello avanzato di uno sviluppo nuovo, capace di generare lavoro e ricchezza senza consumare la natura. La commissione Unesco visiterà i muretti a secco italiani fino all’anno prossimo, la decisione di accoglierli tra i beni essenziali della civiltà è fissata per il 2019.”

Il 26 maggio 2016 avevamo pubblicato un articolo su“Una scuola per la ricostruzione dei muretti a secco nelle 5 Terre”.

Vi si parlva dell’iniziativa volontaristica di un’insegnante di Vernazza, in Liguria, per coinvolgere i giovani nella ricostruzione dei muretti a secco delle Cinque Terre.

A quanto pare l’esperienza non è isolata. Sono ora migliaia i giovani, donne comprese, che si innamorano dei muretti naturali in pietra, alzati senza malte e senza cemento, e chiedono di imparare a restaurarli.

Nel resto d’Europa il titolo di “maestro di muri e pavimenti in pietra” è già riconosciuto. In Italia la prima scuola è stata aperta presso l’Enaip di Villazzano, in Trentino, e dopo due anni di corsi ha appena diplomato i primi 18 artigiani specializzati.”

muretti2

per approfondimenti:

http://www.repubblica.it/cronaca/2017/05/08/news/i_ragazzi_del_muretto_a_secco_quei_sassi_sono_opere_d_arte_-164892519/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...