C’è una giudice ad Agrigento (e una capitana coraggiosa nel Mediterraneo)

la notizia: Alessandra Vella, gip al Tribunale di Agrigento ha rimesso in libertà Carola Rackete, capitano della nave Sea-Watch 3, dell’omonima Ong tedesca, stabilendo che non doveva essere arrestata per aver contravvenuto agli ordini del Ministero dell’Interno, attraccando il 29 giugno al porto di Lampedusa per consentire lo sbarco  di 42 migranti naufraghi raccolti in mare a seguito del naufragio del loro gommone.

dove: Agrigento, Lampedusa      LPIcbzwYgnSFacY-800x450-noPad

3 luglio 2019

segnalata da: Alberto

Fonte:  Tutti i media nazionali ed europei

Il Commento: E’ fuori di dubbio che le controverse valutazioni sull’operato di Carola Rackete e sulla decisione del magistrato di Agrigento fanno sì che questa sia una “buona notizia” solo per una parte dell’opinione pubblica e forse anche tra i nostri lettori ci sarà qualche dissenziente. E’ certo peraltro che la vicenda giudiziaria che riguarda la comandante della Sea-Watch 3 non si conclude con questo pronunciamento ed è destinata a proseguire forse per molto tempo, con esiti incerti, che divideranno ulteriormente l’opinione pubblica non meno che i protagonisti della nostra politica, cinici speculatori di un ulteriore dramma della disperazione che si consuma tra i tanti nelle acque dei nostri mari. Eppure il coraggio dimostrato da queste due giovani donne (guarda caso da un po’ di tempo le donne appaiono in testa alla lista di chi si batte per un mondo più libero e più giusto), mi sembra meritevole di essere valorizzato e sostenuto, anche per i valori che entrambe le protagoniste difendono e propugnano nelle loro scelte e nelle difficili decisioni che in diverso modo, ma comunque con elevato rischio per tutte e due, che elevano i principi della difesa della vita, della solidarietà, della prevalenza del dovere morale rispetto all’applicazione di norme di legge, la cui interpretazione è sempre subordinata all’adesione ai dettami superiori della nostra Costituzione e a supremi obblighi umanitari.

 

per approfondimenti si segnano i seguenti Link:

https://www.linkiesta.it/it/article/2019/07/03/sea-watch-carola-rackete-innocente-salvini-colpevole-ecco-perche/42746/

 https://www.corriere.it/politica/19_luglio_03/notte-sea-watch-poi-capitana-carola-scherza-forse-emigro-australia-f7d93f68-9dd0-11e9-9326-3d0a58e59695.shtml

https://www.wired.it/attualita/media/2019/07/04/fake-news-carola-rackete-sea-watch-3/?refresh_ce=

 

Un pensiero su “C’è una giudice ad Agrigento (e una capitana coraggiosa nel Mediterraneo)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...