Covid-19: due giovani Kenyani hanno costruito un respiratore polmonare con pezzi di auto

La notizia: Un motore per tergicristalli, un relè, due interruttori, un pistone, un tubo a gomito, una lampadina, un sacchetto da aspirapolvere, un serbatoio e una batteria per auto. Così due keniani di Thika, cittadina non distante dalla capitale del Kenya Nairobi, hanno creato un ventilatore polmonare per l’emergenza Coronavirus.

Dove: Thika (Kenya),Aprile 2020      01-7

Segnalata da: Alberto

Fonte: Portale degli Italiani in Kenya

Approfonimenti (riportiamo dal portale degli italiani in Kenya): Paul Kariuki e Samuel Kairu, questi  i nomi di due negozianti, non certo scienziati o ingegneri, hanno impiegato quattro giorni per creare qualcosa che potrebbe essere una risorsa vitale per un Paese alle prese con la crescita esponenziale di casi di positività al Covid-19 e con la difficoltà di reperire sul mercato mondiale respiratori di ogni tipo.

I due keniani hanno assemblato il ventilatore dopo aver raccolto 98.000 scellini (meno di 1000 euro) ed averne risparmiati 12 mila per poter collaudare il prototipo. Dopo il via libera, potranno raccogliere altri fondi per iniziare la stampa in 3D per fabbricarne più esemplari.

Certo, la burocrazia e la scienza potrà allungare i tempi dovendo stabilire la bontà dell’applicazione pratica sui pazienti affetti da sindromi respiratorie, ma un buon passo è stato compiuto da questi intraprendenti giovani.

Paul, che gestiva un negozio di vendita e noleggio DVD che ha chiuso recentemente a causa della pandemia, ha chiesto i soldi del biglietto all’amico Samuel per raggiungerlo nella cittadina di Ruiru e iniziare a realizzare il prototipo. L’innovazione è perfettamente adatta ad essere utilizzata in tutto il Paese perché non richiede elettricità e si basa su una batteria per l’alimentazione.

Un ventilatore è una macchina che fornisce ventilazione meccanica spostando l’aria fuori e dentro i polmoni, per far respirare un paziente che è fisicamente incapace di respirare in maniera autonoma.

In un video postato su Facebook, Kariuki spiega come funziona il ventilatore:

“L’interruttore alimenta il motore del tergicristallo, come si può vedere c’è un pistone che scende e preme il sacchetto. Poi c’è la lampadina interna che illumina il sacchetto – illustra l’inventore – Il motore può essere regolato e si può aumentare la velocità secondo il bisogno. Si può anche mettere un timer o un’intermittenza che possa regolare l’erogazione di ossigeno. Stiamo cercando di imitare la respirazione, non abbiamo ancora ottenuto l’approvazione di un medico e siamo lieti di farla ispezionare.

Paul ha raccontato ai media  che è stata proprio la carenza di ventilatori a spingerli a proporre l’innovazione: “Nella lotta contro il Covid-19, dobbiamo essere inventivi perché attualmente il mondo sta affrontando una carenza di ventilatori – ha detto – Prima di essere sopraffatti dal virus, dobbiamo realizzare dei ventilatori, quindi questo è il primo ventilatore assemblato localmente”.

Ora bisognerà capire quanto impiegheranno i due a vedere la loro invenzione approvata. Un test approfondito potrebbe richiedere mesi per passare l’esame. Ma almeno a livello locale, si potrebbe accelerare i tempi e fare qualche eccezione, provandolo già “sul campo”.

Commenti: Per ora l’Africa è il continente meno colpito dalla pandemia da Coronavirus. downloadTuttavia la diffusione del contagio si sta estendendo, soprattutto nei Paesi più urbanizzati, dove le bidonville gigantesche delle capitali sono il focolaio ideale per il virus e dove peraltro l’applicazione del distanziamento sociale costituisce un lusso incompatibile con il tipo di insediamento e le necessità di sussistenza dei cittadini più poveri. Se pensiamo inoltre alla spaventosa arretratezza del sistema sanitario locale ci dobbiamo rendere conto che l’Africa si sta verosimilmente dirigendo verso una catastrofe umanitaria senza eguali, a cui nessun governo è in grado di far fronte, non potendo contare più di tanto, tra l’altro, sulla solidarietà delle nazioni ricche, loro stesse in grave difficoltà alle prese con le locali epidemie da Covid-19 e con l’incombente crisi economica che ne seguirà. C’è quindi consapevolezza tra gli Africani che dovranno darsi da fare per conto proprio per sostenere l’impatto di questo flagello e sono già diversi gli esempi di iniziative innovative e ingegnose che spesso partono dal basso della popolazione. Questo esempio dei giovani di Thika, di cui ci si augura il successo, è la dimostrazione che, a dispetto dei tanti pregiudizi, il popolo africano sa dimostrare intraprendenza e spirito di iniziativa e che, con un poco di aiuto, può costruire una speranza di futuro a dispetto delle catastrofi incombenti.

Approfodimenti:

http://malindikenya.net/it/articoli/parole/storie/covid-19–due-keniani-creano-un-ventilatore-polmonare.html#

https://www.africarivista.it/

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...