Archivi categoria: buona amministrazione pubblica

Un Centro per l’impiego nel carcere di San Vittore

Dove: Milano  carcere-nola

Novembre 2018

Segnalata da: Alberto

Fonte: la Voce Metropolitana; Afol Metropolitana

La notizia: Dopo l’apertura lo scorso anno dello Sportello Lavoro nel carcere di Opera, si inaugura ora lo Sportello lavoro “Centro per l’impiego” nella Casa circondariale di Milano San Vittore, a seguito del protocollo d’intesa tra Afol Metropolitana e la Casa circondariale di Milano San Vittore, che prevede una serie di azioni di politiche attive del lavoro e di formazione in favore di detenuti e internati. Ad oggi, circa il 30% dei detenuti svolge un’attività lavorativo all’interno dell’istituto. Il nuovo sportello si propone, attraverso l’ausilio di due operatori, di sviluppare un percorso formativo e di supporto socio lavorativo finalizzato a favorire l’integrazione dei detenuti ed internati nel mondo del lavoro. I servizi erogati sono molteplici, tra cui vi è la possibilità di stipulare un patto personalizzato con  iniziative e laboratori per il rafforzamento delle competenze nella ricerca attiva di lavoro, la stesura del curriculum vitae, la preparazione per sostenere colloqui di lavoro o iniziative di orientamento, di carattere formativo o di riqualificazione

Commento: L’apertura di questo nuovo servizio costituisce senz’altro una buona notizia per tutti coloro che pensano che gli istituti carcerari non debbano svolgere una funzione punitiva, ma piuttosto favorire il riscatto e la reintegrazione dei detenuti nella società civile, per la quale il pieno inserimento nel mondo del lavoro rappresenta senza dubbio una delle chances di successo più importanti. D’altra parte, mentre non possiamo che plaudire alla lungimiranza della direzione carceraria di San Vittore e di Afol Metropolitana, ci poniamo al contempo l’interrogativo relativo all’attuale limitatezza dei servizi di formazione lavoro che il nostro Paese è in grado di erogare a favore dei disoccupati, soprattutto nel meridione. E’ di questi giorni la discussione sulla consapevolezza che l’attuale inefficienza dei Centri per l’Impiego nel Sud Italia costituisca una forte criticità per l’attuazione delle nuove politiche del Governo sul reddito di cittadinanza, tant’è vero che la manovra finanziaria prevede una stanziamento di 2 miliardi per far fronte a questa problematica. Ma ci vorranno molti anni e verosimilmente molte altre risorse per raggiungere il livello di efficienza e di efficacia che garantiscono già oggi gli analoghi servizi di altri Stati europei, prima fra tutti la Germania, come condizione per gestire un sistema di sussidi simile a quello che il Movimento 5 Stelle intende attivare con il reddito di cittadinanza. Viene da pensare che forse da noi, per ottenere certi supporti, conviene farsi incarcerare….ma anche qui occorre sperare di finire nel posto giusto!

Per approfondimenti sono utili i seguenti link, a cui sono collegate notizie e commenti anche sulle politiche governative relative all’argomento e sull’esperienza tedesca:

http://www.afolmet.it/index.php/2018/11/20/apre-lo-sportello-lavoro-centro-limpiego-nella-casa-circondariale-milano-san-vittore/

http://www.lavocemetropolitana.it/apertura-dello-sportello-lavoro-centro-per-limpiego-nella-casa-circondariale-di-milano-san-vittore/

https://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2018-11-21/-lega-formazione-azienda-il-reddito-cittadinanza-071953.shtml?uuid=AEBTZJkG&refresh_ce=1

http://www.affaritaliani.it/blog/politicamente-scorretto/reddito-di-cittadinanza-meglio-investire-sui-centri-per-l-impiego-572853.html

https://www.corriere.it/politica/18_ottobre_23/ecco-bozza-centri-l-impiego-430f0496-d6fc-11e8-88cf-1b322404b357.shtml?refresh_ce-cp

https://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2018-10-09/centri-l-impiego-come-funzionano-sussidi-germania-072544.shtml?uuid=AEj3wLJG

 

Porto di Mare. Oggi l’inaugurazione della Cascina Casottello riqualificata

Dal sito del Comune InformaMI di questa settimana ricaviamo quella che ci sembra una buona notizia:               casottello1.jpg

Un primo step del progetto globale di riqualificazione dell’area di “porto di mare” (vedi notizia da noi pubblicata ad agosto 2017) prende forma con la riapertura dell’antica cascina,riqualificata e ora sede di attività che la vedranno come un nuovo polo culturale del quartiere

notizia proposta da : Grazia

 

per approfondimenti vedi:  http://www.comune.milano.it/wps/portal/ist/it/news/primopiano/Tutte_notizie/urbanistica_verde_agricoltura/inaugurazione_cascina_casottello_riqualificata

buone notizie dalle case dell’acqua a Milano

Dal sito del Comune InformaMI del 12 febbraio ricaviamo quella che ci sembra una buona notizia:

Prelevati oltre dieci milioni di litri in cinque anni

Nei distributori MM sparsi per la città le bollicine battono la liscia. Risparmi per 328 tonnellate di CO2 e 268 tonnellate di plastica

notizia proposta da : Riccardo        image001

Milano, 11 febbraio 2018 – Ai milanesi piacciono le bollicine, almeno a quelli che si riforniscono alle Case dell’Acqua di MM, gestore dei servizio idrico della città: 18 punti di distribuzione sparsi per tutta la città che, tra il 2013 e il 2017, hanno erogato 10,5 milioni di litri d’acqua (10.598.682),  e di questi 5,8 litri è frizzante.

Numeri utili non solo a fotografare le abitudini dei tanti cittadini che si approvvigionano alle fonti pubbliche ma che restituiscono un’immagine limpida di quanto le buone pratiche siano convenienti per tutti.

 

vedihttp://www.comune.milano.it/wps/portal/ist/it/news/primopiano/Tutte_notizie/mobilita_ambiente_energia/Case_Acqua

 

 

con “Ambrogio” le edicole di Milano torneranno a nuova vita

riprendiamo una notizia apparsa a Dicembre che ci era parsa interessante e speriamo foriera di sviluppi positivi. 

Edicole di Milano, potranno rilasciare certificati e diventeranno punti di informazione per turisti e cittadini
„Le edicole di Milano si apriranno a nuovi servizi. In un momento di crisi della carta stampata e, indirettamente, di chi vende giornali, periodici e riviste, il Comune prova a trasformarle in punti di riferimento multifunzionali per il quartiere in cui si trovano. E’ il senso delle linee guida approvate dalla giunta per il rilancio e il sostegno delle edicole.

edicola archivio-2

Col progetto “Ambrogio” le edicole diventano moderne portinerie di quartiere

Tajani: ”Aiutiamo le edicole ad evolversi in nuovi spazi multi servizio in cui trovare risposta ai piccoli problemi quotidiani”.

vedi per approfondimento:

https://www.comune.milano.it/wps/portal/?urile=wcm:path:ist_it_contentlibrary/sa_sitecontent/sfoglia_news/notizie_primo_piano/tutte_notizie/lavoro_sviluppo_ricerca/ambrogio_edicole_diventano_portinerie

http://www.milanotoday.it/economia/edicole-certificati-info-point.html

Servizio di copertura assicurativa per furti, anche con destrezza, rapine, scippi, scassi e truffe ai danni dei cittadini residenti over settantenni.

Segnalata da: Enrico

Fonte: il notiziario online “informami” del Comune di Milano del 9 gennaio 2018

Un’interessante notizia per tutti gli over 70 di Milano, e quindi anche per tutti coloro che hanno familiari anziani residenti nel capoluogo lombardo: il Comune rende disponibili le polizze assicurative AssicuraMI a titolo gratuito per chi ha pù di 70 anni e un reddito inferiore ai 30 mila euro. Gli ultrasettantenni di Milano potranno  godere della protezione su abitazione e infortuni in caso di furto scippo e rapina.

Cattura

 

Un anno di battaglia contro lo spreco alimentare: il recupero cresce con punte del 20 %

la notizia:      a un anno dalla introduzione della legge Gadda contro lo spreco alimentare in Italia,si può dire che il bilancio è positivo e fa ben sperare per il futuro

dove:        Italia    images (1)

 segnalata da:   Riccardo

notizia del : settembre 2017

fonte: il quotidiano “la repubblica “ e l’Osservatorio Waste Watcher

commento:  lo sperpero del cibo vale in Italia circa l’1 % del PIL. Il 14 settembre 2016 è entrata in vigore la legge Gadda sullo spreco alimentare, la seconda norma di questo tipo in Europa dopo quella votata in Francia. A un anno di distanza arrivano, dalla grande distribuzione e dall’Osservatorio Waste Watcher, i primi dati. Le Coop, che avevano fatto partire in anticipo le linee contenute nella legge Gadda, nell’arco di 12 mesi hanno registrato un aumento del recupero di alimenti che sfiora il 20%. Nell’arco del 2016 le tonnellate di merci che invece di finire in discarica sono state donate è passata da 5.140 a 6.000, il valore dei beni recuperati da 24 a 28 milioni, il numero di associazioni di volontariato coinvolte da 800 a 943, i pasti gratuiti garantiti da 6 a 7 milioni. Il trend positivo ci sta facendo guadagnare posizioni in Europa: gli italiani quanto a chili di rifiuti pro capite l’anno sono a quota 164: meglio dei Paesi del Nord (187 chili la Svezia, 184 la Norvegia, 180 la Finlandia), della Spagna (179), della Germania (171). E soprattutto mostrano una maggiore propensione a leggere le etichette e dunque a controllare le date di scadenza: lo fa sempre il 67% degli italiani rispetto al 58 degli europei. Una piena applicazione della legge Gadda, cioè l’azzeramento dello spreco alimentare, darebbe un contributo importante anche in termini economici. Stiamo parlando di circa 15,5 miliardi di euro gettati all’anno. E l’80 % è legato ai rifiuti domestici.

link a:  http://www.repubblica.it/ambiente/2017/09/13/news/un_anno_di_battaglia_contro_lo_spreco_il_recupero_cresce_con_punte_del_20_-175387463/

Progettare la città dal basso

la notizia:      con la seconda edizione del “bilancio partecipativo , il Comune di Milano mette a disposizione 4,5 milioni di euro per la realizzazione di progetti proposti dai cittadini: i più votati saranno realizzati. Ancora 10 giorni per esprimere il supporto.

dove:        Milano              images (17)

 

segnalata da:   Gianni e Riccardo

 

quando: entro il 10 dicembre si esprime il supporto, a marzo si vota definitivamente

commento:  a Milano siamo alla seconda sperimentazione di questa forma di partecipazione dei cittadini, in atto anche in diversi altri comuni. La prima edizione (2015-2016),che prevedeva la spesa di 9 milioni di euro, è attualmente nella fase realizzativa e lo stato di avanzamento  dei vari progetti è monitorabile sul sito. Il meccanismo del bilancio partecipativo è semplice. Il comune mette a disposizione quest’anno 4,5 milioni di euro per progetti da realizzarsi nei 9 municipi della città . I cittadini possono proporre dei progetti localizzati di miglioramento della città, corredati di una documentazione di supporto (la scadenza era il 30 novembre, sono stati presentati circa 270 progetti). C’è una prima fase di voto di supporto (scadenza 10 dicembre) che determina una prima scrematura dei progetti. Nella seconda fase, i progetti selezionati vengono definiti nei dettagli con lavoro congiunto proponenti-tecnici comunali.  Nella terza fase c’è il voto che determina i progetti vincenti per ogni municipio (marzo 2018). Da maggio 2018 partirà la quarta fase con la realizzazione che sarà monitorabile  passo passo.  Il  progetto, denominato “Dall’idea alla città”, messo a punto dalla Giunta comunale, si inserisce nel più ampio piano di sviluppo delle periferie, di promozione di politiche sull’accessibilità e di valorizzazione del decentramento amministrativo. La scorsa edizione ha visto la partecipazione di più di 30.000 votanti.  I progetti vincitori devono essere seguiti fino alla loro completa ultimazione , iter che è comunque più lento dell’auspicabile (oggi si può dire che siamo mediamente al 50 % di avanzamento).  Altra pecca: non si capisce perché,  rispetto all’edizione precedente, il bilancio sia stato dimezzato.  Si tratta comunque di una buona forma di partecipazione e di interazione tra cittadini e amministrazione.

Entrate nel sito :   https://www.bilanciopartecipativomilano.it/

Seguite le istruzioni per registrarvi e poter quindi votare

Guardate i progetti, scegliete quelli cui siete più affini, supportateli e votate

link a:  https://www.bilanciopartecipativomilano.it/

http://www.comune.milano.it/wps/portal/ist/it/news/primopiano/tutte_notizie/bilancio_patrimonio_tributi/parte_bilancio_partecipativo_2017

http://www.milanotoday.it/economia/bilancio-partecipativo-2018.html

http://www.chiamamilano.it/notizie/bilancio-partecipativo-i-risultati